COMUNICATO – UISP: Tempo di tartufo con la GF a Pieve di Coriano

112

Slide Slide Slide

COOMUNICATO – Fonte: Roberto Babini. Grazie!

10 ottobre 2021 GF Strade del Tartufo Mantovano

Manca poco e poi ci siamo con il tradizionale appuntamento che ci accompagna da qualche tempo, si tratta della ottava edizione della GF del Tartufo Mantonano che si terrà a Pieve di Coriano in data 10/10/2021.
In questa edizione 2021, per noi UISP in doppia veste:

  • Campionato nazionale cicloturismo;
  • Terza e conclusiva prova del criteriun GF ciclotiuristiche UISP.

Saranno tre i percorsi che ci porteranno a scoprire il territorio del Mantovano, nelle pianure alla ricerca di colori e sapori di questa terra dove il PO accompagna ed è protagonista delle storie che il tempo racconta.

  • Percorso GF di 121 Km con 193 mt di dislivello;
  • Percorso MF di 99 km con 182 mt di dislivello;
  • Percorso corto di 58 km con 58 mt di dislivello

E poi il classico autogestito che porterà le vostre ruote ad agire liberamente, sotto il vostro impulso di vedere e scoprire.
La partecipazione all’evento è subordinata al possesso di GREEN PASS

Le iscrizioni sono già attive e le potete effettuare ON LINE in piattaformas ENDU

In loco le iscrizioni sono possibili, per i percorsi, fino al sabato precedente (09/10/2021) e non sarà possibile iscriversi il giorno della manifestazione.
Resta tuttavia possibile iscriversi il giorno 10/10/2021 per l’autogestito.

Ecco qui il VOLANTINO con queste ed altre informazioni

Le Ciclovie della Strada del Tartufo Mantovano costituiscono una rete di circa 430 chilometri di percorsi ciclabili.con mete importanti per gustare il territorio
San Benedetto Po (Mn), centro turistico in cui si possono visitare il complesso monastico cluniacense, l’imponente basilica giuliesca e il Museo Civico Polironiano con le sue raccolte etnografiche. Tutte da gustare le locali eccellenze enogastronomiche come il Lambrusco Doc, ilParmigiano-Reggiano e gli insaccati il cui re indiscusso è il salame sotto la cenere. San Benedetto Po è annoverato fra i “Borghi più belli d’Italia” e ciò spiega perchè diversi famosi registi lo hanno scelto in passato come location per alcune scene dei loro film:  Alberto Lattuada (Il mulino del Po, 1949), Dino Risi (La marcia su Roma, 1962) ed Ermanno Olmi (Centochiodi, 2007) solo per citare i più noti.
A Pieve di Coriano corre l’obbligo di visitare la Pieve Matildica, fatta costruire da Matilde di Canossa nel 1082. La Grancontessa Matilde è certamente una delle figure più importanti e interessanti del Medioevo italiano. Donna di assoluto primo piano in un’epoca in cui le donne erano considerate di rango inferiore, arrivò a dominare tutti i territori italici a nord degli Stati della Chiesa. Nel 1076 entrò in possesso di un vasto territorio che comprendeva la Lombardia, l’Emilia, la Romagna e la Toscana e che aveva il suo centro a Canossa, nell’Appennino reggiano. Dopo la sua morte, attorno a Matilde venne a crearsi un alone di leggenda che la dipingeva come una contessa semi-monaca dedita alla contemplazione e alla fede. E nell’Oltrepò Mantovano sono tanti i segni da lei lasciati che vale la pena ammirare.

Per le info consigliamo di contattare l’organizzatore

Associazione Sportiva Pievese Gruppo Ciclistico River Bike
riverbike@aspievese.it
Tel: 348 8148940

Per Ciclocolor
RB

Slide Slide Slide