2017-11-01 ACSI - Classifica “5ª prova Master Palzola” ”5ª prova Camp. Provinciale BI-VC” a Villareggia (TO) - Piemonte

CLASSIFICA - Fonte: Carmine Catizzone.Grazie!

VALSESIA, DI PRIMA, FAVARO E BARBAZZA .. SPETTACOLO A VILLAREGGIA 23032792_1494328940649261_3837955717299604351_n - CopiaSullo spettacolare percorso disegnato in minima parte sul “Pump Track” del centro sportivo con gobbe sterrate, salti più o meno regolari e in parte sulle campagne del popoloso paesotto di mille anime che fa da sentinella alla Dora Baltea, s’è vendemmiata la quinta prova del Criterium Palzola, un raccolto che fa sorridere il Team Pedale Pazzo di mister Caterpillar Riconda e della Presidentissima del centro sportivo Cristina Tessiore quando ai nastri di partenza in centoventidue allacciano il caschetto tutti vogliosi di darsi battaglia ma, anche di godere di un bel clima amichevole che è il fattore determinante di questo seguitissimo circuito Acsiano.

23130838_1494242637324558_589093358193139843_nPrimi a partire i giovani e subito comincia il festival dei veterani con Invano Favaro ( veterani 1) e Orlando Borini (veterani 2) che fanno il vuoto molto presto e se ne vanno inutilmente inseguiti dai pur volitivi Vincenzo Crivellari , Dario Berardi, Cristian Melis e “the doctor” Antonio Mazzuero che nulla possono fare contro l’asfissiante pressing dei due fuggitivi. Anche fra i senior assistiamo ad un ciclismo champagne grazie alle belle performance del fisicato Francesco Barbazza (senior 2) che deve vedersela con un sempre più convincente Stefano Martinotti, a suo agio nel tratto del Pump Park, un po meno in quello pedalato e dai lunghi rapporti dove la 23032593_1494312257317596_3064011975819084827_n - Copiapotenza di Barbazza fa la differenza, esattamente come il più giovane e senior 1 Pietro Vitanza al quale serviva una vittoria per accrescere un po’ la sua 22894514_1494252743990214_5383443324693135851_nautostima e dopo un match tutt’altro che facile per la strenua resistenza di Stefano Missiaggia e Alessandro Bertolotti impegna anche il cuore per portare a casa una vittoria bella come il sole e da incorniciare nel suo team Fuori Onda. Un elemento al fulmicotone come lo junior Mario Gaudelli che sul percorso di Villareggia ha dato spettacolo, difficilmente concede qualche chance ai suoi rivali, s’è “preso” la gara e la scena con quel suo ciclismo tutto fisico e l’unico che ha cercato di arginare la sua 23132070_1494255067323315_267216803862968313_nfuria agonistica è stato il rientrante Nicholas Turetta che sarà da tenere in buona considerazione. Aiutato da una buona dose di fisicità e da una 22894415_1494238590658296_1560637892922859025_ncondizione superlativa, il debuttante Gioele Binello si esibisce in un assolo davvero pregevole e affonda la spada nella roccia per portare a casa i fiori e il cesto destinato al vincitore ma anche Danilo Allamano e il figlio d’arte Tommy Sarasso hanno corso bene e salgono sul podio. Ordine, cinismo e soprattutto due bocche di fuoco micidiali sono le armi in più del duo delle meraviglie composto dal 22886249_1494239563991532_511948128755815476_ngentleman 1 Angelo Borini e Massimo Valsesia ( gentleman 2) che se ne vanno già alle prime curve. Ce la mettono tutta i pur fortissimi Davide Visentin ed Eugenio Cossetto ma quei due là davanti sono micidiali, soprattutto Valsesia che aspetta, tira, incita il compagno di squadra Borini a resistere e a dare qualche cambio e poi, quando la vittoria è sotto chiave per entrambi si esibisce in un assolo che pare un siluro, balisticamente perfetto che colpisce il centro esatto delle sue convinzioni e del resto se è campione italiano ci sarà un perché! Ho provato – ci ha detto convinto il super A Gaetano Sartor – 22894228_1494239157324906_6599044789110797020_na far valere le mie doti e ad essere aggressivo in ogni angolo del percorso e grazie a Dio ci sono riuscito. Alla grande – aggiungiamo noi – ed è la quarta vittoria su cinque gare ma il “Lupo” Claudio Facchini sta crescendo ed 22886288_1494311893984299_8978160650326892695_n - Copiaè pronto per la vittoria, visto che per la seconda volta in otto giorni arriva in volata e perde per uno/due secondi. Promossi anche Claudio Biella e un crescente Licio Gelli. Vigilio Berti, diciamolo, non è elegantissimo con quella pedalata sgraziata e scomposta ma, obbiettivamente è tenacemente convincente e a nulla serve il caparbio inseguimento del suo compagno di squadra e di categoria 22894295_1494246650657490_6156860354891255038_n( super B) Angelo Pionna che lo vede sempre più allontanarsi mentre s’avvia a cogliere un’importante affermazione per la gioia del suo President Gianni Riconda che con 51 punti vince anche il trofeo per società. Paganini non ripete ma Daniela di Prima invece si e anche spesso se è vero com’è vero che in quattro gara coglie quattro vittorie ma soprattutto si dimostra una musicista 23031465_1494245740657581_1287730204911678562_nsopraffina che le suona, e senza nessun rispetto, anche alla sua Presidente Silvia Bertocco e alla vincitrice del master Mb Bergamo Kathrin Oertel. Fiori, flash e applausi anche per la donna A Elena Bargero e per la mascotte del Criterium Palzola, la Primavera Sofia Mazzuero che potrebbe fare 22894196_1494312887317533_7577528739126782505_n - Copiaquattro giri anziché otto per via della sua giovane età ma, tenacemente fa tutta la gara ancora una volta e gli spettatori l’acclamano per l’impegno, del resto, proviene da una famiglia di sportivi dove impegno e sacrifici sono pane quotidiano. Chapeaux!

Carmine Catizzone


0 commenti:

Posta un commento

Per scrivere un commento è necessario avere un Account registrato.
Non sono più consentiti commenti anonimi.
I commenti NON DEVONO essere offensivi. Grazie!