2017-10-08 ACSI - CX “1° Trofeo Nord America” "1ª prova Master Palzola" a Cigliano (VC) - Piemonte

CLASSIFICA - Fonte: Uc Cigliano - Carmine Catizzone .Grazie!

  22291179_1472921632789992_2680501707987596997_o22291198_1472919022790253_3391191632056413633_o22291301_1472927609456061_2014189751793839156_o22339691_1472905066124982_8791599798406069322_o22382307_1472926696122819_9164989898921233072_o
Foto della gara su: FOTO CIGLIANO CX
APERTURA  PALZOLA A CIGLIANO… BUONA LA PRIMA
Prendete 120 chilogrammi di uomo  con le sembianze  di Davide Santià, l’esperienza trentennale di Gianni Riconda, l’affidabilità del comitato provinciale Acsi Biella/Vercelli, inserite  il sano agonismo di 130 amatori lombardo/piemontesi accorsi alla prima del criterium Palzola, shakerate il tutto e il ciclocross è servito. Buona la prima si suol dire quando il successo è assicurato, meglio ancora se tutti, ma proprio tutti, tornano a casa premiati , contenti e rifocillati con risotto al Palzola, sotto lo sguardo interessato del responsabile regionale V. Zuliani e che l’UC  Cigliano ha distribuito a tutti nel ristorante Nord Amenica, pubblico compreso che brinda ad un  successo strepitoso.
Primi a partire i giovani e subito la premiata ditta Bum Bum  & Ballinetor ( debuttanti e  junior) si esibisce in un ciclismo d’alta scuola che delizia il numerosissimo pubblico assiepato vicino ai box cambio – bici con i due terribili fratelli che s’involano solitari per una fuga verso la vittoria che premia entrambi  e un po scoraggiano i pur valenti avversari. Torna a casa con una sonante vittoria  anche il senior 1 Paolo Bravini, un’affermazione importante, figlia di una prestazione esaltante che schianta quasi subito le velleità dei pur volenterosi Pietro Vitanza e Stefano Missaggia che nulla possono contro la freschezza atletica dello specialista dello scatto fisso. Prestazione convincente anche per  lo statuario senior 2 Francesco Barbazza che nonostante una bucatura riesce a raddrizzare la gara riportandosi  al comando  e lottando come un leone contro Richi Ornaghi che ha lottato e stretto i denti prima di alzare bandiera bianca nel finale di gara dopo aver accarezzato il sogno di far sua la gara. La voglia di emergere dello stradista Simone Veronese è emersa con tutto il suo carico lungo i sentieri di Cigliano e con un ciclismo tonico, frizzante e convincente,  obbliga alla resa sia Marco Violante e il musicista Isacco Colombo che tutta la concorrenza che si preannunciava  agguerrita. Il sorriso del veterano 2 Vincenzo  “stallone” Crivellari, quando taglia il traguardo dopo aver corso da autentico protagonista, la dice lunga sulla soddisfazione  di  vincere , senza sbavature e al cospetto di gente tosta quale Dario Berardi e Giuseppe “Balboa” Ballini.  Quando parte la seconda gara , con i testa i gentleman 2  guidati da Massimo Valsesia, s’intuisce subito che non ce n’è per nessuno, la sua pedalata è piena e potente, elegante come puma e scattante come un giaguaro, gli basta un giro per andarsene e fare una crono individuale  per l’ennesimo trionfo ai danni di Roberto Viotti e Claudio Biella che sconsolati chiudono il podio mentre la lotta dura l’hanno offerta i Gentleman 1 con un trio da favola quale è quella composta da Angelino Borini, Mauro Sedici e Davide Visentin che lottano da par loro per tre quarti di gara , poi il folletto della Valsesia rompe gli indugi e guadagna quel tanto che basta per andare senza patemi al traguardo per ricevere il cinque dal suo ds Giulio Moretti . Bella e combattuta la prova dei super A con Oto Batilde e Paolo Mezzo Piero  che danno spettacolo,  si studiano,  ci provano spesso  ma è solo sul finale che il più scattante Batilde riesce nella non facile impresa di scrollarsi di dosso il generoso, e non solo in corsa, Mezzo Piero.  La gara dei super B, come al solito, vive sull’assolo dell’inossidabile Lucio Pirozzini che vince e convince come suo solito ma, la grande sorpresa si registra nelle retrovie per via di un notissimo personaggio ed ex ciclocrossista degli anni novanta quale  è stato Alberto Filippini. Si  proprio lui, certo, non ha più lo smalto dei giorni migliori ma, ci ha deliziato  tutti, anche grazie ad una spettacolare caduta con avvitamento carpiato in avanti subito dopo che un tifoso gli ha gridato : va che classe! Ottima Laura Vecchio nelle donne A che piazza un acuto e mette alla frusta Elena Bargero e Lucia Rossi dimostrando freschezza atletica e l’ardore tipico della sua giovane età.  Per Silvia Bertocco , donne B, non è una sconfitta pesantissima , c’è tempo e modo di far capire alla vincitrice e sua compagna di squadra Daniela Di Prima che a breve termine le darà filo da torcere, nel frattempo  la potente Daniela si gode il magic - moment  della vittoria che ha marchiato a fuoco nel suo nome …Di Prima. Appunto! Un raggiante Davide Santia’ , microfono alla mano, fa rimbombare in sala i suoi ringraziamenti che vanno all’amministrazione comunale capitanata da Anna Rigazio in prims, ai “suoi” ragazzi della U.C. Cigliano, al ristorante Nord America per l’accoglienza e il pasta party e al centro fisioterapico Salus per la cortese disponibilità della location degli arrivi, elettricità  e cambio bici compresi. Arrivederci alla prossima edizione che, detto per inciso, ci sarà anche il prossimo anno.

Carmine Catizzone

0 commenti:

Posta un commento

Per scrivere un commento è necessario avere un Account registrato.
Non sono più consentiti commenti anonimi.
I commenti NON DEVONO essere offensivi. Grazie!